28 ottobre 2009

WWF: ogni minuto scompare l'equivalente di 36 campi di calcio di foresta

Al XIII° Congresso Mondiale sulle Foreste tenutosi nei giorni scorsi a Buenos Aires, molti Stati hanno dichiarato il proprio impegno per contrastare il fenomeno della deforestazione selvaggia e del commercio di legname illegale, ma pochi passano poi dalle parole ai fatti. L’Argentina, il Paraguay e il Brasile, in particolare, si sono impegnati a tutelare quel che resta di una delle foreste subtropicali più minacciate al mondo, la Mata Atlantica, lavorando per azzerare il processo di deforestazione e implementando un pacchetto di misure che includa legislazioni nazionali a supporto di quest’obiettivo.
Nonostante le azioni di conservazione la deforestazione ha raggiunto livelli allarmanti. Ogni anno scompaiono 13 milioni di ettari di foreste, ovvero 36 campi da calcio al minuto. Solo negli ultimi 25 anni è scomparso il 10% delle foreste, principalmente a causa dell’attività umana e ogni anno viene degradato o distrutto circa l'1,2% delle foreste tropicali, con perdite maggiori nel centro e Sud-America, e poi in Asia e Africa. Lo sfruttamento eccessivo delle risorse legnose, il taglio illegale per l’agricoltura estensiva e l’allevamento e il commercio del legname sono le cause principali della perdita di foreste primarie in diverse aree del nostro pianeta, e questo comporta anche un progressivo avanzamento dei processi di desertificazione, che sottraggono suolo fertile anche alle attività agricole tradizionali e quindi impoveriscono sempre di più le popolazioni locali e non solo.

La foresta atlantica circonda città come Rio de Janeiro, San Paolo e Asunçion fornendo acqua a milioni di persone e ospita più di 20.000 piante (di cui 8.000 non si trovano in altri luoghi), 1.000 specie di uccelli, 372 di anfibi, 350 di pesci, 197 di rettili e 270 di mammiferi. Ma l’espansione delle attività agricole, dell’edilizia e delle città e lo sfruttamento non sostenibile delle sue risorse ne hanno comportato la quasi totale distruzione, tanto che oggi si estende per soli 35.000 km2, ovvero appena il 7,4% dei 500.000 km2 originari.

“Argentina, Paraguay e Brasile hanno dimostrato di essere consapevoli delle loro responsabilità e di aver compreso che solo politiche coordinate tra Paesi diversi possono affrontare problemi globali come la perdita di biodiversità e i cambiamenti climatici – ha detto Massimiliano Rocco, responsabile TRAFFIC e Timber Trade del WWF Italia. Infatti, oltre alla perdita di habitat, biodiversità e degli indispensabili servizi che gli ecosistemi sono in grado di offrire alla vita sulla Terra (compresa quella dell’uomo), la deforestazione e i processi di degradazione delle foreste sono responsabili di almeno il 20% delle emissioni globali di gas serra, tanto che bloccare la perdita di copertura forestale è considerato uno dei modi più efficaci per tutelare il pianeta dalle gravi conseguenze dei cambiamenti climatici. Un’urgenza confermata dall’obiettivo “zero deforestazione entro il 2020” lanciato dal WWF come sfida planetaria per preservare il nostro pianeta.

(fonte: wwf)


Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!


Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento

Articoli Correlati