30 ottobre 2009

Turismo Sostenibile: Arriva ClimaHotel di CasaClima

Giovedì 22 ottobre 2009 presso il Centro Congressi della Fiera di Bolzano è stato presentato il nuovo sigillo “ClimaHotel”.
La manifestazione è stat organizzata in occasione della Fiera Internazionale HOTEL 09. Fra i relatori erano presenti Prof. Dr.-Ing. Werner Sobek, Prof. Dr. Felizitas Romeiß-Stracke e Arch. Matteo Thun. Durnate il convegno è stato anche consegnato il primo diploma di precertificazione a Gustavo Thöni.
Il Sigillo di qualità ClimaHotel si basa sui tre pilastri portanti della sostenibilità: Ecologia, Economia e Aspetti socio-culturali. Il nuovo sigillo di qualità rappresenta lo strumento per introdurre all’interno delle strutture alberghiere le necessarie misure tecniche e strategiche di gestione. Nel catalogo dei criteri ClimaHotel questi tre pilastri della sostenibilità corrispondono ai concetti “Natura” (Ecologia), “Vita” (aspetti socioculturali) e “Trasparenza” (Economia).

Lo Standard ClimaHotel corrisponde al raggiungimento del punteggio massimo di 100 punti. La valutazione viene eseguita attraverso un metodo diretto di conferimento dei punti che corrispondono all’ottenimento degli obiettivi di sostenibilità nelle relative aree di giudizio. Il punteggio viene assegnato con una ponderazione di 50 punti per „Natura“, 30 punti per „Vita“ e 20 punti per „Trasparenza“.

Area di valutazione „Natura“ (50 Punti ClimaHotel)

In questa categoria vengono esaminate le prestazioni della struttura in ambito di protezione del clima. In particolare vengono valutati l’indice di efficienza energetica dell’involucro edilizio, l’indice di efficienza complessiva dell’edificio secondo lo standard CasaClima B (elemento di valutazione “Energia”) ed il bilancio di impatto ambientale dei materiali utilizzati secondo lo standard “Nature” (elemento di valutazione “Materia”).
Nell’area di valutazione „Risorse“ viene esaminato il rapporto della struttura con le risorse „Acqua“ e „Terra“. Con il criterio “Terra” si vuole avere un riscontro su come l’hotel e la sua gestione si mette in rapporto con il sito in esame ed i flussi di materie prime, il loro utilizzo e smaltimento. Anche il tema della sostenibilità nell’ambito „Trasporto e Mobilità“ di ospiti e personale ricopre un ruolo rilevante, così come la raggiungibilità dell’hotel con i mezzi di trasporto pubblico.

Area di valutazione „Vita“ (30 Punti ClimaHotel)

Il punto focale di questa categoria è il rapporto della struttura con il benessere degli ospiti (elemento di valutazione „Uomo“), attraverso la valutazione di comfort ambientale, accessibilità e sicurezza. L’elemento di valutazione “Ambiente” esamina non solo la qualità degli spazi interni ed esterni, ma anche come le peculiarità del paesaggio in cui è immerso l’hotel influiscono sul benessere dell’ospite.
Il criterio di valutazione “Cultura” si relaziona con le misure adottate per valorizzare la connessione con l’autenticità del luogo attraverso l’utilizzo di prodotti locali, la comunicazione con le tradizioni locali e la cultura. Di questo concetto di utilizzo delle risorse locali diventa parola chiave il tema “Re-regionalizzazione”.
Il grado di innovazione rappresenta un ulteriore importante elemento di valutazione, orientato a dare risalto a diversi indicatori. In particolare vengono giudicate positive quelle strategie di gestione atte ad evitare brevi stagioni turistiche, la sensibilizzazione e al comunicazione dei valori di sostenibilità dell’albergo che si vuole vengano trasmessi attraverso la certificazione ClimaHotel.

Area di valutazione “Trasparenza” (20 Punti ClimaHotel)

Cosa influenza la sostenibilità degli investimenti in una struttura alberghiera? Nella risposta entrano i concetti di “Costi” e “Qualità”. Il catalogo dei criteri „Trasparenza“ rappresenta uno strumento pratico per redigere una raccolta completa di tutti i dati riguardanti questi due ambiti, con lo scopo di dare al committente un supporto per la pianificazione e la gestione. Importante considerare che il criterio vuole dare ai portatori di interessi una possibilità di confronto con questi aspetti e non vuole essere una valutazione del risultato economico della gestione alberghiera.
Proprio attraverso il confronto con il catalogo dei criteri il committente/albergatore/investitore ha la possibilità di valutare la coerenza degli scopi con i mezzi a disposizione. In questo modo gli elementi di valutazione „Costruzione“ e „Manutenzione“ sono strumenti di controllo e di trasparenza dei costi di investimento, che permettono di valutare la concretezza dei dati già in fase di pianificazione. Vengono inoltre esaminati anche fattori indiretti come la durabilità della costruzione e i processi organizzativi interni sia in fase di costruzione che di gestione (elemento di valutazione „Durabilità“ e „Processi“).
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!


Stampa il post

Nessun commento:

Posta un commento

Articoli Correlati